Il PD candida la consigliera islamica di Milano: potrebbe essere la prima velata in Parlamento

Il primo velo islamico nel Parlamento italiano. Le prossime elezioni politiche, ormai imminenti, potrebbero segnare l’ingresso alla Camera, con il Pd, della prima deputata di religione musulmana.

Alle porte della campagna elettorale – scrive Il Giornale – già si registrano movimenti e ambizioni. E fra Roma e la sinistra milanese, galvanizzata dal successo della marcia per l’accoglienza, circola come indiscrezione la notizia che la prima possibile deputata musulmana d’Italia potrebbe essere Sumaya Abdel Qader. Quella della consigliera comunale milanese è una figura chiave nei rapporti fra la sinistra e il mondo islamico. Il suo curriculum personale è di tutto rispetto, il suo profilo politico e culturale è emblematico. Figlia dell’imam di Perugia, Sumaya, è stata dirigente del coordinamento dei centri islamici di Milano, il discusso Caim guidato fino a pochi mesi fa da Davide Piccardo. Oggi è vicepresidente della commissione Cultura del Comune e gestisce con abilità (per qualcuno con ambiguità) la sua posizione istituzionale. La sua candidatura ha fatto molto discutere.

Nel corso della campagna elettorale sono emersi particolari imbarazzanti sulle posizioni ideologiche dei familiari, in particolare la madre e il marito. Il profilo Facebook della mamma, Zubayda Khalil, conteneva post e immagini inneggianti alla «resistenza» palestinese, ad Hamas e alle brigate Ezzidin al-Qassam, braccio armato dell’organizzazione islamista. Del marito si era parlato perché in passato aveva definito Israele «un errore storico, politico una truffa». Ma Abdel Qader è sempre stata difesa dal Pd, tanto che, eletta da indipendente (con 1016 preferenze e l’appoggio della sinistra interna), a gennaio ha ricevuto l’offerta della tessera Pd. Il Caim è nato nell’area Ucoii e Abdel Qader è la tipica espressione dei Giovani musulmani italiani, un mondo che ha proprio nel rapporto con Israele e il sionismo il suo nervo scoperto. Sumaya ha partecipato a un’iniziativa del Bds, sigla che promuove il boicottaggio e le sanzioni ai danni di Israele. In seguito è stata rimproverata da Emanuele Fiano, deputato Pd ed ex presidente della Comunità ebraica di Milano, quando a proposito di un sondaggio sui musulmani italiani, ha minimizzato un dato inquietante (il 61% delle persone interrogate avrebbe risposto che «controllano il mondo e sono responsabili di ogni male») argomentando la distinzione fra antisemitismo e antisionismo. A lungo in silenzio su temi simili e imbarazzanti, dall’inabissamento mediatico è uscita proprio in occasione della marcia Senzamuri, di cui è stata fra i principali artefici e – come si vede – fra i possibili beneficiari. Pochi giorni fa ha condannato con grande fermezza gli attentatori di Manchester: «Spero che arrivi il giorno in cui sarete estirpati dalla faccia della terra uno ad uno – ha scritto – Siete dei musulmani colpevoli, colpevoli di aver tradito Dio e la Sua parola, l’umanità e la vita da Lui donata. Siate maledetti». Massimo Campanini, professore di Storia dei Paesi islamici, della sua allieva ha detto (al «Giorno») che «può essere ricondotta all’orizzonte dei Fratelli Musulmani, ma non è persona di cui non ci si possa fidare». L’appartenenza ai Fm, lei l’ha nettamente smentita.

Sicuramente diverso l’orizzonte di quella che a Milano era emersa come la sua ideale rivale: Maryan Ismail. Antropologa, di sinistra e femminista, non velata, oggi Ismail tiene su RadioRadicale una rubrica dal titolo eloquente: «Musulmani laici». Ismail è uscita con grande clamore dal Pd accusando il partito di aver scelto la parte «più oscurantista» dell’islam. Lo ha fatto con una lettera (rimasta senza risposta) indirizzata al leader Pd Matteo Renzi, che con l’imam e presidente dell’Ucoii, Izzedin Elzir, fiorentino, ha da tempo un ottimo rapporto.

Il Giornale

Potrebbero interessarti anche...

Una risposta

  1. eleonora ferrari ha detto:

    pronti per la guerra civile ? no , solo bla bla . in pochi siamo pronti .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *